ORARIO: La reception è aperta dal lunedí al sabato dalle ore 09.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 - 0434 1856016 331 9002380 - info@adpolcenigo.it

Gusto

Torna

Museo dell’arte cucinaria di Polcenigo

Museo dell’arte cucinaria di Polcenigo, preziosa istituzione unica in Italia

La grande tradizione culinaria dell'Alto Livenza, che ha sfornato chef nazionali e internazionali, raccontata attraverso ricettari, attrezzi da cucina, lettere, fotografie raccolti in anni di attività, menu di gala dei più grandi alberghi del pianeta e delle più importanti navi da crociera che hanno solcato gli oceani nel Novecento.
La zona pedemontana dell'alto corso della Livenza vanta tradizioni di prestigio nell'ambito della professione "cucinaria", termine che preferiamo alla più diffusa "culinaria" perché' meglio traduce l'arte di fare cucina, "ars coquinaria". Questa zona di cuochi ha oggi al suo attivo oltre trecento professionisti della cucina, che operano in diverse parti d'Italia e del mondo e provengono principalmente dai comuni di Polcenigo, Budoia, Caneva, Fontanafredda, località che fanno parte di un'area, l'Alto Livenza, posta al confine tra il Friuli e il Veneto.
Non v’è dubbio che gran parte della storia e della cucina regionale, nazionale e internazionale sia stata costruita anche per merito dell'impegno e della professionalità di tanti cuochi "altoliventini" che, migrando per molti anni nei ristoranti e alberghi, hanno contribuito e tuttora contribuiscono alla crescita di questo originalissimo e interessante settore. Una lunga storia di emigrazione al servizio di una passione incrementata da una tradizione familiare potrebbe essere quella dei cuochi dell'Alto Livenza di ieri e di oggi.
La mostra, allestita nella sala superiore dell'antico cinema-teatro di proprietà comunale, non è una determinazione storica dei luoghi di emigrazione ma offre una panoramica della crescita e del prestigio conquistato in tanti anni di professionalità, fino a creare una sorta di "marchio di origine" legato a questa nostra terra altoliventina.

Iscriviti alla NewsLetter